Topbar Disabilita' cognitive Comune di Modena MeMo CSC Comune Ferrara Progetti Rete CDI
 
Home
Contenuti
Il progetto
Natura
Cause
Prevenzione
Integrazione e trattamento
Esperienze e storie di vita
Libri e materiali
News
Glossario
Domande & Risposte
Ricerca

Level Double-A conformance icon, 
          W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0


Integrazione scolastica attraverso la musica a Mirandola
foto mirandola

 

Integrazione scolastica attraverso la musica a Mirandola Musica per tutti… proprio tutti.

foto mirandola.jpg

Progetto della Fondazione “Scuola di Musica Carlo e Guglielmo Andreoli” di Mirandola (MO), relativo                               all'avvicinamento alla musica di bambini con disturbi del neurosviluppo.

La “Scuola di Musica Carlo e Guglielmo Andreoli” di Mirandola da vari anni organizza                                                     molteplici attività di musica d’insieme, attraverso tre cori, tre orchestre di chitarre,                                                         l’Orchestra di Musica d’Insieme “La Fiaba” (che coinvolge i più piccoli), l’Orchestra                                                         giovanile John Lennon, due  Filarmoniche, la Banda RulliFrulli (percussioni) e un’Orchestra d’archi.  

In essa si esprimono anche bambini, adolescenti e giovani adulti con disabilità: assieme agli altri.

Da alcuni anni è emersa sempre più viva l’esigenza di un monitoraggio anche scientifico dell’esperienza, grazie alla collaborazione con Renzo Vianello (Università di Padova).  Su di esso ci soffermiamo in questo resoconto. Esso descrive solo il primo di tre anni di lavoro e verrà in seguito aggiornato. 

Per il primo anno è stata prevista la valutazione longitudinale del percorso di cinque bambini o adolescenti con disabilità o comunque con disturbi del neurosviluppo, al loro primo anno di attività musicale, attraverso:

- i dati valutativi forniti dalla cartella clinica del servizio di neuropsichiatria infantile:

- tra cui il Developmental Profile 3 (DP-3), una intervista ai genitori che permette una valutazione standardizzata dello sviluppo del figlio nelle aree motorie, cognitive, comunicativo-linguistiche, emotivo-affettive e dei comportamenti adattivi (vedi “Strumenti”) ;

- i dati forniti dalla somministrazione agli alunni della classe in cui è inserito il bambino o adolescente con disabilità di sette diversi sociogrammi, che permettono di vedere la posizione centrale, mediana o periferica dell’allievo con disabilità in situazioni fra loro diverse, quali compagni egli sceglie o da cui è scelto nelle varie situazioni ecc. (vedi “Strumenti”) ;

- le relazioni, documentate anche da filmati e discusse in appositi incontri, degli insegnanti della Scuola di  musica.  

Il progetto si è finora realizzato grazie alla piena collaborazione fra gli insegnanti della Scuola di musica (vedi “Progetto di avvicinamento alla musica: intervista al Maestro Alessandro Vanzini) , gli operatori della Neuropsichiatria infantile (vedi “Collaborazione tra scuola di musica e neuropsichiatria infantile: interviste al dott. Davide Bertoni e al maestro Mirco Besutti”) , le famiglie e gli insegnanti delle classi frequentate dagli allievi con disabilità. 

Esso ha previsto in particolare vari incontri collettivi (con presenza degli insegnanti della Scuola di musica e degli operatori della Neuropsichiatria infantile) ad inizio anno, durante l’anno, a fine anno e all’inizio dell’anno scolastico successivo, per un adeguato monitoraggio individualizzato e coordinamento degli interventi.

In occasione del seminario "Ricordando Sergio Neri", tenutosi a Modena venerdì 16 e sabato 17 ottobre 2015, il progetto è stato presentato da Alessandro Vanzini.

(presentazione in pdf)   

Negli anni a seguire presumibilmente, si aggiungeranno altri bambini o adolescenti al loro primo anno di attività musicale e saranno seguiti anche quelli degli anni precedenti.      

 

                 

                   

 


New: Questionario di valutazione
   Home arrow News arrow Ultime notizie arrow Integrazione scolastica attraverso la musica a Mirandola